31/03/2022

Andrea Taccini: la figura dell’operatore logistico ne esce rafforzata. L’Inchiesta 2022 di Logistica Management

Scatta ogni anno una fotografia del sistema logistico e dei trasporti attraverso il contributo di manager del settore impegnati a vario titolo nella supply chain. 
Cosa viene fuori quest’anno dall’Inchiesta 2022 di Logistica Management?

Conosce molto bene le dinamiche della logistica. Andrea Taccini – Membro del CDA, Direttore Commerciale & Marketing Strategico di Gruppo – nel rispondere alle domande poste, traccia una panoramica precisa e aderente ai nostri tempi. Nelle sue risposte ritroviamo temi attuali che caratterizzano il contesto logistico e si riversano nel quotidiano – la carenza degli autisti, l’aumento dei costi dell’energia, le difficoltà di fornitura di materie prime, il persistere della situazione pandemica. Perché la logistica è il quotidiano e si riflette in tutto quello che facciamo

Opinioni e punti di vista maturati da anni di esperienza hanno individuato degli aspetti centrali che decreteranno chi nel mercato farà la differenza rispetto a chi reagirà “di sopravvivenza”.

Delocalizzazione
Taccini ne aveva parlato già l’anno scorso, individuando nella scelta della delocalizzazione la capacità di fare la differenza – Si è rivelato necessario avere centri di approvvigionamento più vicini: abbiamo visto molte aziende pronte a riavvicinare alcune produzioni, in Europa se non anche in Italia, a costi del lavoro superiori ma in grado di garantire tempi di fornitura più rapidi.

Infrastrutture
Anche qui si ripete un tema che da sempre lo appassiona. Convinto, a ragione, che l’Italia meriterebbe un posto in prima fila per la sua configurazione geografica – L’Italia potrebbe essere un vero grande molo in mezzo al Mediterraneo.

Sostenibilità 
C’è una nota di disappunto nel rilevare un’assenza dello Stato rispetto a investimenti fatti in tempi non sospetti – Siamo fra coloro che hanno investito molto in nuovi veicoli a GNL, e che ora trovano che questa scelta green non è stata ripagata dai costi. Lo scorso anno il gas costava circa 0,6 centesimi al kg, ora costa circa 1,5 euro, in taluni casi 2. In questo caso, lo Stato non ci è stato accanto in queste scelte.

Smart working e cambiamenti organizzativi 
D’accordo sulla modalità di lavoro flessibile, quando e ove possibile, Andrea Taccini rimarca la necessità di lavorare in azienda – […] solo qui si possono capire, vivere, “annusare” le cose fino in fondo, grazie al contatto diretto con i colleghi e con gli eventi.

Bilancio
Il buono stato di salute del settore logistico e una grande professionalità, accresciuta dalle aziende della holding, ha portato a Samag H.L. un anno fruttuoso – Per noi il 2021 è stato un anno molto positivo: un anno di netta crescita, grazie alle acquisizioni portate a termine e alle scelte strategiche fatte sia all’esterno che all’interno.

La figura di Samag H.L., ma in generale dell’operatore logistico, ne esce rafforzata.
Sfoglia l’intervista online.